PDA

Visualizza Versione Completa : Cambio intestatari veicolo in caso di eredità



mc0676
06/10/2008, 22:35
Tutti sapete che ho preso io l'auto di mio padre.
Ora vorrei poterla intestare a me.
Secondo voi basta una dichiarazione da parte di mio fratello e mia madre dove rinunciano all'eredità dell'auto oppure ci vuole l'atto notarile ?

Bibe
06/10/2008, 22:51
Temo la seconda ipotesi,
con conseguenti costi....:scratch:

Golfidro
06/10/2008, 22:54
Quando capitò per quella di mio padre facemmo 2 passaggi:Il primo a favore degli eredi il secondo a me.

mc0676
06/10/2008, 22:55
Ma passaggi di proprietà a costo completo ???

tama
06/10/2008, 23:01
fonte ACI:
Se avete deciso di accettare un veicolo in eredità, dovete provvedere a trascrivere l'accettazione di eredità e ad aggiornare la carta di circolazione.

Il termine per la presentazione, per non incorrere in sanzioni, è di 60 giorni dalla data dell'autentica della firma sulla dichiarazione di accettazione dell'eredità.

In caso di più eredi, se solo uno di essi desidera intestarsi il veicolo, è necessario effettuare due successivi passaggi: prima si iscrive il mezzo a nome di tutti gli eredi e poi si trascrive a favore dell'unico erede che intende risultare intestatario del veicolo.

E' peraltro possibile allegare un unico atto di accettazione di eredità da parte di tutti gli eredi con contestuale vendita pro quota a favore dell'erede che chiede l'intestazione del veicolo.

La registrazione è soggetta al pagamento dell' Imposta Provinciale di Trascrizione che varia a seconda del veicolo e della provincia di residenza.

Golfidro
06/10/2008, 23:21
Si Mic.Però tieni presente che sono passati tanti anni.Magari le cose son cambiate...ma non penso + di tanto.

Mirko
06/10/2008, 23:37
Se ne fa uno solo agli eredi se non ha problemi con i parenti ne fa uno.

tony
07/10/2008, 00:06
Allora Michele, per quanto concerne la denuncia di successione tieni innanzitutto presente che questa deve essere presentata entro dodici mesi (non più sei) dalla data di apertura della successione stessa che nel tuo caso coincide con il giorno del decesso del tuo povero papà.

Questo prevede il vigente comma 1 dell’art. 31 del Testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta sulle successioni e donazioni ( come modificato dal comma 79, art. 1, Legge n. 296/2006, più semplicemente ricordata come legge finanziaria 2007).

Per quanto concerne la Nissan rivolgiti presso un centro A.C.I. che dovrebbe trovarti la soluzione più adatta a te.

Di norma occorrerebbero due passaggi di proprietà per poterti intestare da solo l’auto, però credo che ti troveranno la diritta con un unico passaggio ed un piccolo sovrapprezzo (così hanno fatto a mia moglie l’anno scorso in un centro A.C.I. della provincia di Cosenza). In buona sostanza, gli altri coeredi dovrebbero accettare in eredità la Nissan e contestualmente venderla a te ............... (concordo con Tama).

Ripeto, fatti un giro presso la delegazione A.C.I. a te più vicina e chiedi in merito.

L’atto notarile non è più necessario.

mc0676
07/10/2008, 00:19
In ogni caso minimo dovrò pagare cmq un passaggio intero, giusto ?
Ergo 500 eurozzi ... che ***** !
Grazie a tutti cmq per le dritte rapidissime. ;D

tony
07/10/2008, 00:23
Purtroppo sic caro mc .....

:ciao:

VWGC BOT
09/10/2008, 12:44
Per i moderatori ..
Ciao queste due (http://www.vwgolfcommunity.com/vbulletin/showthread.php?t=4694) discussioni credo si possano accopare

aggiunta ..e guardando bene anche questa (http://www.vwgolfcommunity.com/vbulletin/showthread.php?t=2325)

Nico AMG
09/10/2008, 13:45
Michè mio cugino non ha il padre ormai da 6 anni eppure continua tranquillamente a girare con la macchina a lui intestata... mai avuto problemi.
Però capisco anche la tua esigenza...

Non vorrei toppare ma sono quasi certo che i beni mobili registrati non cadono in successione, dunque non devono essere inserite nella denuncia.

PS: se hai bisogno di una mano con la denuncia, compilazione, calcolo, deposito, variazione catastale ecc., io sono a disposizione, gratis naturalmente!

mc0676
09/10/2008, 21:16
Grazie Nicola.
Al PRA, ci sono andato ieri, mi hanno detto che:
- l'auto va in successione e di seguito dovrà intestarla a me, mia madre e mio fratello (1° passaggio);
- mia madre e mio fratello vendono l'auto a me (2° passaggio).
Totale costo operazione oltre 1.000 € ...
Siamo sicuri che se lascio gli intestatari attuali non rischio niente a termine di legge ?

Nico AMG
09/10/2008, 21:33
Nella mia breve vita professionale avrò fatto almeno una ventina di dichiarazioni di successioni, mai ho inserito autovetture.
In fondo se ti fermano e ti chiedono a chi è intestata l'auto tu ti limiti a rispondere "è intestata a mio padre".
Non credo si informino in merito alla sua esistenza...
Ripeto mio cugino gira da anni con l'auto intestata al padre...

Aspettiamo Pippero o Tony per maggiori ragguagli legali...

Michele ti rinnovo la mia disponibilità, per qualunque cosa.

VWGC BOT
09/10/2008, 21:55
ma perchè non date retta ai miei messaggi :mad2: (linkando sul mio post sopra si arriva a questo)

in linea teorica si rischia questo (http://www.sicurauto.it/cds/articoli/articoli.php?subaction=showfull&id=1081257773&archive=&start_from=&ucat=1&)

in pratica è come accade al cugino di russogti


pensandoci bene, se l'auto intestata ad un defunto viene rimossa per un qualsiasi motivo penso che per ritirarla ci voglia l'intestatario del veicolo o per lo meno una delega di costui

ergo, se così è, conviene farlo sto passaggio di proprietà

tony
10/10/2008, 12:11
Si digiti il link sottoindicato ove viene spiegato cosa c’è da fare quando si eredita un bene mobile registrato:
http://www.visurnet.com/argutsuccered7.htm

Qui si potranno trovare, inoltre, molte altre utili ed aggiornate informazioni in materia di successione mortis causa.

Giastel16 fa opportunamente notare gli obblighi imposti dall’art. 94 C.d.S. in materia di trasferimento della proprietà e le sanzioni ivi previste in caso di omissione degli stessi.

Tuttavia, le prescrizioni e le sanzioni di detto art. 94 possono avere una loro effettività solo allorquando vi è una successione della proprietà inter vivos, atteso che l’obbligo del proprietario subentrante è quello di far trascrivere negli archivi del P.R.A. il trasferimento di proprietà del veicolo entro il termine di 60 giorni dall’atto di acquisto.

Ma, nel caso di successione mortis causa, che poi è quella che qui interessa, la situazione è ben diversa. Infatti, alla morte del de cuius, non c’è da parte dell’erede l’automatico acquisto della proprietà dei beni caduti in successione. Né, d’altra parte, l’erede è tenuto ad accettare entro un dato termine e ad accettare con un atto esplicito, ben potendo farlo implicitamente. In caso di autovettura (o altro tipo di bene mobile registrato) caduta in successione, dunque, appare ancora più difficile ipotizzare da quando nasca l’obbligo di presentare domanda di trascrizione, dal momento che, sino a quando non avvenga l’accettazione, il trasferimento di proprietà non è di fatto avvenuto.

Qualora sia avvenuta l’accettazione dell’eredità con atto pubblico o con scrittura privata autenticata o accertata giudizialmente, si può agevolmente individuare il dies a quo, ai fini dell’applicazione dell’articolo 94 C.d.S., nel giorno di stipula dell’atto pubblico o in quello dell’autenticazione o dell’accertamento giudiziale della scrittura privata.

Viceversa, ove vi sia stata accettazione tacita con la mera immissione nel possesso del bene, come accade di frequente, l’articolo 94 C.d.S. sembra di applicazione alquanto difficile: infatti l’erede, pur gravato dall’obbligo di richiedere l’aggiornamento degli archivi del P.R.A., non è assoggettabile a sanzioni, dal momento che non è proprio possibile individuare un dies a quo.

Per altro verso è del tutto evidente che non si può godere sino a quando si vuole di un veicolo intestato ad un defunto: basti pensare soltanto alla miriade di problemi che possono scaturire dal fatto di circolare con un veicolo la cui polizza di assicurazione venga rinnovata con un contraente non più in vita! Stipulare poi una nuova polizza r.c.a. a nome di un defunto equivarrebbe all’inesistenza della polizza, e, non so fino a che punto sarebbe possibile indicare un nuovo contraente lasciando inalterata la titolarità del bene a chi non è più tra i vivi.

Sempre sotto il profilo dell’assicurazione obbligatoria, il trasferimento a causa di morte di un veicolo a più eredi non facenti parte del medesimo nucleo familiare, facendoli permanere nel tempo cointestatari del bene, si tradurrebbe in una situazione probabilmente sconveniente per quanto concerne il quantum del premio da versare obbligatoriamente per l’uso del veicolo stesso. Infatti, i parametri di polizza verrebbero calcolati sul contestatario più a rischio, tenendo pure presente che differenze di tariffa sussistono in linea di principio già per ragioni di età, residenza, professione o altro.

Non mi pare poi il caso di commentare, infine, i negativi risvolti della riferibilità della “responsabilità in ogni sua forma” in relazione ad un veicolo che ha più padroni sulla carta.

Per quanto mi riguarda, esattamente un anno fa la madre di mia moglie ereditò da suo fratello che non aveva altri successori una Peugeot 106 XRD. Mia suocera, donna anziana peraltro senza patente, dichiarò di accettare tale bene cedendolo contestualmente in vendita (si fa per dire perché venne indicato in dichiarazione, rilasciata presso un centro A.C.I., un prezzo simbolico) a mia moglie (caricandoci di un’altra vettura, la quale è addirittura quella che lei usa abitualmente, mentre la nuova Swift staziona in garage un po’ come la Golf). In effetti, non ricordavo la spesa sostenuta per l’operazione, ma ……… ma esaminando la matrice dell’assegno spiccato a suo tempo per tale causale ho riscontrato che l’esatto corrispettivo versato per sistemare interamente la pratica è stato di € 600,00! Pensavo di meno! Da tenere presente che sulla carta di circolazione della Peugeot non compare mia suocera, bensì soltanto suo fratello, quale primo intestatario, e poi mia moglie.

Chiedi anche altrove Michele ……., comunque ritengo che sia meglio spendere qualcosa in più e fare le cose per bene!

mc0676
10/10/2008, 12:14
Grazie Tony, ma la Qashqai non è intestata a mio padre, è intesta a mio padre E mia madre.
Il discorso è quindi un pò diverso, non trovi ?

tony
10/10/2008, 12:24
E' diverso solo perchè l'auto cade in successione per una metà del suo valore ideale, ma sotto il profilo delle attività da svolgere e delle spese da sostenere per mettere tutto a posto...... non vedo cosa possa cambiare!

In buona sostanza tua madre è divenuta proprietaria per un mezzo (che già le competeva) più un terzo dell'altra metà del bene. Invece, la quota rimanente appartiene in parti eguali a te e a tuo fratello.

Nico AMG
10/10/2008, 12:31
Bravo Tony, esauriente come sempre.

Michè io personalmente non mi farei troppi problemi... e investirei diversamente i miei 1.000 euro che, oggi con i tempi che corrono, fanno comodo, magari per pagare le imposte di successione...

E poi al massimo se ti contestano una violazione per mancato passaggio di proprietà con 1.000 euro sai quante multe ci paghi???

mc0676
10/10/2008, 12:34
Cioè quindi Nicola mi consiglieresti di lasciare tutto com'è ?

VWGC BOT
10/10/2008, 12:37
ottimo tony grazie per il chiarimento
però è assurdo pensare le meccaniche perverse dello Stato per spillare sempre soldi al cittadino :
io, per poter fruire liberamente di un bene registrato (mobile o immobile) per il quale il mio genitore ha sudato lavorato e pagato su le tasse, devo a mia volta pagare delle altre tasse

tony
10/10/2008, 12:42
Non me ne parlare Giastel..........

:ciao:

Nico AMG
10/10/2008, 12:45
Si Michele, decisamente.
Ripeto, se mai ti fermano per un controllo rispondi che è intestata ai tuoi genitori.
Mai si sognerebbero di andare a verificare se sono in vita oppure no, almeno durante il "Papa Charlie", ovvero il Posto di Controllo delle FdO.

Pogopeso
10/10/2008, 16:44
Penso anche io che durante un normale controllo non avresti alcun problema...

però un domani, anche molto lontano magari, nel caso tu volessi cedere la vettura non

sarebbe necessaria la firma dell'intestatario? ..e a quel punto?

Nico AMG
10/10/2008, 16:50
La madre può firmare oltre che quale proprietaria anche quale erede naturale del marito deceduto e quindi può venderla tranquillamente. Michè non buttà via soldi...

tony
10/10/2008, 18:28
Il punto è che vi è piena disponibilità solo del 50% del bene, mentre per l’altro 50% occorre una manifestazione di volontà a volerlo acquisire che richiede de plano questo benedetto trasferimento di proprietà con le conseguenze economiche che questo comporta.

Contrariamente mi viene in mente l’antico brocardo latino contro il quale si va a cozzare: “Nemo plus iuris ad alium transferre potest quam ipse habet” (Nessuno può trasferire ad altri più diritti di quanti ne ha).

Nico AMG
10/10/2008, 18:46
Tony, tu li spenderesti 1.000 euro per una firma?

tony
10/10/2008, 18:57
Credo proprio di si .......... purtroppo!!!!

D'altra parte questo è stato anche il mio consiglio che ho qui esternato, perchè credo che sia meglio mettere le cose a posto oggi che non domani; con tutti gli interrogativi che il domani può presentare!

Mi auguro che tu non mi ritenga un pollo :D

oscar15
10/10/2008, 19:02
ho seguito fin dall'inizio la discussione, ed ora non posso che essere d'accordissimo con Tony, oggi si sa bene o male quanto si spende, domani chissà quale altro dazio servirà per sistemare la faccenda.
Ogni giorno si scopre qualcosa di nuovo per rastrellare sempre di più i nostri portafogli !!!

Nico AMG
10/10/2008, 20:59
A Napoli si dice: a murì e a pavà ci sta sempe tiempo!
(A morire e a pagare c'è sempre tempo!)

ododo
07/11/2008, 22:45
Ciao a tutti, mi servirebbe un'informazione.

Martedì è venuto a mancare mio nonno e l'auto che io uso è intestata a lui, qualcuno sa come mi devo comportare? Anche perchè era immatricolata per disabile e quindi non pagava il bollo e vorrei evitare di dover pagare multe per qualche arcano motivo.

C'è da fare una trafila particolare? Un passaggio di proprietà presentando le carte mediche?

Bho, mi rimetto alle vostre menti , grazie.

Alex81
07/11/2008, 23:19
Devi andare all'aci... penso serva certificato di morte.. e penso serva un'erede diretto (in ordine.. moglie, figlio, nipote ).
Il passaggio lo dovrai fare per forza.. non può essere immatricolare ad una persona che purtroppo non c'è più.
Però non so se può essere intestata direttamente a te o a un parente con discendenza diretta.

x il nonno mi dispiace :( condoglianze...

ododo
08/11/2008, 00:10
Grazie, sia per le condoglianze che per il consiglio!

Alex81
08/11/2008, 00:21
guarda sul sito dell'aci.. www.aci.it (http://www.aci.it) a me non lo apre.. boh.. magari li c'è qualcosa..

guartda un pò qui... http://www.sicurauto.it/forum/viewtopic.php?p=33267&sid=b95562eb4cc106eda9c10528b0da1b24

e qui.. http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20070327081141AAmZhlG

loris81
08/11/2008, 00:31
vai sia all'aci che da qualcuno che si occupa di pratiche auto, sicuramente ti diranno cosa fare.
non sarai mica l'unico in questa situazione....

Nico AMG
08/11/2008, 01:56
Parlane anche con il nostro capo, mc0676, da poco ha affrontato lo stesso problema, purtroppo.

Sentite condoglianze fratello.

Nico

Linuzzo
08/11/2008, 02:35
Purtroppo e dico purtroppo esiste già nel nostro forum una discussione in merito a questo problema,quindi unisco le 2 discussioni e faccio le mie condoglianze ad ODODO.

ododo
09/11/2008, 21:55
Grazie per aver unito le discussioni, effettivamente non avevo proprio guardato (scusate scusate).

Dunque, da quel che ho capito leggendo, bisogna fare una prima accettazione dell'auto (solo sua moglie in quanto erede diretta?) e, successivamente, girarla a me nel caso me la volessi intestare...giusto od errato?

Altra questione...il bollo lo devo pagare col cambio d'intestatario, vero? (prima non lo pagavo perchè auto intestata a portatore di handicap)

Grazie della pazienza

tony
09/11/2008, 22:14
Si è così per entrambe le questioni, ed in particolare per la prima se non ci sono altri eredi oltre al coniuge.

ododo
09/11/2008, 22:33
mmm da cosa di deducono gli eredi? (domanda stupida, vero?) Visto che ci sono anche i tre figli, ma l'auto non è inserita in nessun testamento.

tony
09/11/2008, 22:37
Gli eredi legittimi si deducono dalla legge ed in particolare dal codice civile.

In mancanza di testamento, nel caso di specie, gli eredi sono coniuge e figli!

ododo
09/11/2008, 22:51
Urca urca...allora bisogna che uno solo accetti e gli altri rifiutino, vero?

Successivamente, fare il passaggio a mio nome.

tony
09/11/2008, 23:03
Che non complichino le cose!

Possono accettare collettivamente tutti gli eredi con un unico atto e quindi unica spesa per poi trasmettere a te il bene!

ododo
09/11/2008, 23:24
Uh, bhe, bene. No, non credo proprio complichino le cose.

Quindi lo accettano tutti assieme e lo girano a me.

Cavoli, mi fa male la testa...non ci capisco un cavolo XD